People

Tom Weinberger: in Italia con un progetto di formazione per danzatori

Parte a Torino NUOVA X

Di Maria Luisa Buzzi 24/01/2022
Tom Weinberger: in Italia con un progetto di formazione per danzatori
Tom Weinberger. ph Antero Hein

Israeliano, classe 1987, Tom Weinberger dopo il diploma alla Amal School of Arts and Sciences e la laurea è entrato a far parte del Batsheva Ensemble. La sua esperienza prosegue nella compagnia maggiore, Batsheva Dance Company, dove è interprete dal 2008 al 2011 di lavori firmati da Ohad Naharin e Sharon Eyal. Freelance dal 2012, ha lavorato con Barak Marshall e con la Company E a Washington DC, dove ha inoltre rimontato lavori di Naharin ed Eyal. Membro fondatore di L-E-V, la compagnia di Sharon Eyal e Gai Behar, ha danzato con il Gothenburg Ballet in lavori di Peeping Tom, Marie Chouinard e Alexander Ekman. È stato artista ospite del Fabulous Beast Dance Theatre di Michael Keegan Dolan (2013), della Batsheva Dance Company (2014) e della Forsythe Company (2015). Insegnante di Gaga nel mondo negli ultimi nove anni - dal Netherlands Dance Theatre Summer Program (2010-2014) al San Francisco Conservatory of Dance, alla Taipei National University of the Arts, Springboard Danse Montreal - ha parallelamente sviluppato la vena creativa, dopo la fondante esperienza con il programma Batsheva Dancers Create a Tel Aviv. Vincitore dell'International Solo Tanz Theatre Festival nel 2014 con un suo pezzo, lo abbiamo recensito da Maastrich come interprete del suo palpitante duetto Exception Occur (in D&D n. 301 e D&D INTERNATIONAL n. 28) e autore di una pregnante coreografia sua per il NDT 2 dal titolo The Most Fascinating Problem in the World. Siamo andati a conoscerlo perché quest'anno avvierà in Italia presso la Scuola NOD-Nuova Officina della Danza di Silvana Ranaudo a Torino, un interessante programma di formazione per danzatori contemporanei chiamato NUOVA X.

Weinberger lei è il direttore artistico di NUOVA X, il progetto lanciato da NOD a Torino in partenza a settembre 2022. Ci spiega brevemente di cosa si tratta?
NUOVA X nasce dal desiderio di offrire a danzatori alla ricerca di una carriera professionale l’opportunità di lavorare con i principali coreografi contemporanei internazionali. Ho imparato sulla mia pelle che i momenti in cui sono cresciuto maggiormente come artista sono stati i ‘processi creativi’. Da qui nasce NUOVA X, con l’obiettivo di fornire ai danzatori un’esperienza di lavoro con coreografi affermati ed emergenti della danza contemporanea: un incontro tra le parti, in sala danza, insieme per offrire e scoprire strumenti per diventare un danzatore interattivo, più versatile e stratificato. Accedere a diversi mondi coreografici, praticare diverse metodologie proposte dai coreografi e farlo in profondità, il che per me significa TEMPO. E così, ho cercato di costruire un programma che permetta esattamente questo. Ogni coreografo che invito a lavorare con Nuova X viene per cinque settimane di lavoro quotidiano con i danzatori. Ciò permette un processo stratificato che invita a un’esplorazione profonda, una riflessione, un esaurimento (mentale e fisico), la messa in discussione di ‘ciò che è stato trovato’, la collaborazione e molti altri aspetti del processo creativo. Insomma.. l'opposto di un modello ‘mordi e fuggi’. E questa è la 'fase uno' di NUOVA X... Silvana Ranaudo e io abbiamo già una visione per l'evoluzione di NUOVA X, ma questo richiederà un paio d'anni.

Si entra per audizione a questo programma di tre mesi. Come sarà strutturato l'insegnamento e il lavoro nel periodo?
Da quando ho deciso di lasciare la Batsheva Dance Company ho intrapreso una carriera da freelance. Ho lavorato a lungo in Europa e Nord America per oltre un decennio. Questo è il bacino internazionale da cui attingo per programmare i coreografi ospiti di Nuova X. Ci sono un bel po' di artisti emozionanti con cui sono in comunicazione al momento per essere parte di NUOVA X.

Il programma mira a formare anche coreografi oppure più alla preparazione del danzatore-interprete?  
Trovo molto difficile separare i danzatori dai coreografi. Per me se sei interessato alla creazione, che tu sia un aspirante danzatore o un aspirante coreografo, sei il benvenuto. Si tratta comunque di un programma fisico, quindi quando ci si iscrive ci si deve aspettare di partecipare ad una pratica quotidiana molto fisica.

Alla fine del corso trimestrale ci sarà una restituzione pubblica?
Alla fine di ogni trimestre ci saranno presentazioni informali in studio alle quali i partecipanti possono invitare ospiti - famiglia, colleghi, futuri datori di lavoro ecc. (naturalmente data la situazione sanitaria potrebbero esserci delle restrizioni). Tuttavia, vorrei sottolineare che il programma non si orienta verso uno show finale. Siamo interessati ai processi creativi, offriamo una possibilità per osservare, soffermarsi e scavare nel “mestiere”. In un mondo che troppo spesso si concentra sul prodotto, vorremmo contrastare questa tendenza e dare spazio a un approccio diverso. In questo senso gli spettacoli in studio sono "solo" un'altra opportunità per danzare.

Lei insegnerà al corso data la sua formazione-certificazione Gaga?
Ho insegnato Gaga ma la mia pratica personale si è evoluta a partire dalla profonda esperienza con Gaga e da molte altre pratiche di danza/non danza che ho incontrato nel corso degli anni. Tutto questo influisce nel mio insegnamento oggi. È molto probabile che lavorerò a un certo punto di ogni trimestre, tuttavia il programma non si basa sul mio insegnamento. Il mio ruolo è di curator e mentoring. Molto dipenderà anche dai miei impegni, dai lavori su commissione per le compagnie di danza, ma ho intenzione di lavorare e fare da mentore a ogni trimestre.

Nuova X è accessibile tramite selezione e le iscrizioni sono aperte sino al 13 maggio. Maggiori informazioni sul sito di NOD

© Riproduzione riservata

luganodanceproject2interplay2022fattoriaformazioneinteatrorida2022artementesummerlab22bmcitanod2022giudittapasta
peralada

Vedi anche...