News

Debutta "Geographers of Solitude" di Paolo Mangiola

Una coproduzione ZfinMalta e Ballet d’Jèrri

06/05/2024
Debutta "Geographers of Solitude" di Paolo Mangiola
"Geographers of solitude" di Paolo Mangiola (ph. Camille Fenech)

LA VALLETTA La compagnia diretta da Paolo Mangiola, ŻfinMalta, unisce le forze con il Ballet d'Jèrri, la compagnia di danza nazionale dell'isola di Jersey, per un nuovo lavoro firmato da Mangiola ispirato alla sterna artica, un uccello noto per avere il più lungo schema migratorio del pianeta. Si intitola Geographers of Solitude ed è una conversazione sulla diversità, sulla fragilità delle voci diverse e sulla promozione dell'armonia collettiva per diciotto danzatori. Priima assoluta al Teatru Manoel de La Valletta il 24 maggio (repliche 25,26) poi a Jersey in giugno.

Proprio come le sterne artiche si rifugiano su entrambe le isole durante il loro lungo viaggio, i danzatori in scena esplorano la vita isolana itinerante e prolungata e l'interazione dinamica tra solitudine e comunità. La collaborazione tra le due compagnie è nata quando Carolyn Rose Ramsey, direttrice artistica del Ballet d'Jèrri, ha invitato Mangiola a creare un lavoro per la nuova compagnia di danza nazionale di Jersey. La conversazione ha portato all'idea di una coproduzione che porti entrambe le compagnie sul palco in un nuovo lavoro completo presentato sulle due isole.

“I ballerini e il team del Ballet d'Jèrri sono così onorati e grati di avere la possibilità di collaborare con ŻfinMalta e Paolo Mangiola per il suo fantastico concetto di Geographers of Solitude, afferma Carolyn Rose Ramsey. L'opportunità di avere questo tipo di scambio artistico approfondito con un altro gruppo di danzatori è rara ed esaltante. Questo pezzo, e la collaborazione stessa, sono una testimonianza del potere dell'arte di collegare paesaggi, culture e storie.  Credo che abbiamo la possibilità di offrire uno specchio al mondo.  Come piccole isole non siamo solo entità geografiche, ma microcosmi vivi e vibranti che rappresentano e risuonano con le esperienze più ampie di isolamento, comunità e incessante ricerca di connessione. Diventa una splendida testimonianza del fatto che ogni individuo e ogni gruppo ha un viaggio unico, una storia unica da raccontare".

Per il pubblico di ZfinMalta, che ha seguito la magistrale trasformazione della compagnia da parte di Mangiola negli ultimi sette anni, questa è l'ultima occasione per vedere le sue coreografie in un nuovo lavoro completo sul palcoscenico del Teatru Manoel prima di completare la sua ultima stagione come direttore artistico. Mangiola si è unito a una giovane ŻfinMalta alla fine della sua terza stagione e da allora ha guidato la compagnia di danza nazionale di Malta facendola crescere in modo straordinario e ottenendo riconoscimenti a livello locale e internazionale. La danza contemporanea ha ora un posto di primo piano nella scena artistica maltese, con un pubblico locale in continua espansione e dedicato, e Malta ha una compagnia di danza nazionale con una forte presenza internazionale.

L'eredità di Mangiola comprende un repertorio di alcuni dei più importanti coreografi affermati e pionieristici che lavorano sulla scena internazionale, come Tânia Carvalho, Emanuel Gat, Roy Assaf, Rosemary Lee, Sergiu Matis, Riccardo Buscarini, Francesca Pennini, Marco D'Agostin, Mauro Bigonzetti, Ambra Senatore e Lesley Telford. Ha anche messo insieme un cast di danzatori di altissimo livello e lascia una compagnia di dieci danzatori a tempo pieno e un apprendista, supervisionando al contempo un programma di educazione e sensibilizzazione inclusivo e partecipativo per persone di ogni provenienza.

"Ringrazio di cuore tutti i coreografi, gli artisti e i vari esperti che hanno contribuito immensamente alla crescita della compagnia - ha dichiarato Paolo Mangiola -  rendendo ŻfinMalta un centro in cui si custodisce, si protegge e si promuove la nostra forma d'arte. Sono sempre grato a tutti i danzatori che hanno lavorato con me, condividendo le loro conoscenze e contribuendo allo sviluppo della nostra compagnia.

 

© Riproduzione riservata

ldp-2024inteatro-2024rami-2024cbsf-itajoffrey-2024nod-2024lostmovementopus-2024
nod-2024-ita

Vedi anche...