News

Raccolta fondi per "Tale of us"

Il progetto di Rosario Guerra a Napoli

Di Elisabetta Ceron 10/11/2022
Raccolta fondi per "Tale of us"
Rosario Guerra (ph. Lilit Hakobyan)

NAPOLI La danza, tra vita e professione, una riflessione sull’esperienza artistica che accomuna giovani coreografi freelance, un ulteriore atto di trasformazione per differenti processi creativi a confronto volto ad accendere con coraggio nuove modalità di autofinanziamento del prodotto artistico. Una raccolta fondi sui social per lanciare un progetto tutto italiano: Tale of us, programmato al Teatro Bellini di Napoli (scena piccola) il 6 e 7 aprile 2023. Nasce da un’idea di Rosario Guerra, talento partenopeo alla corte di Marco Goecke ad Hannover e già Premio Danza&Danza 2013 e 2016 come “Interprete dell’anno”. L’iniziativa, tesa a sensibilizzare sul problema imperante della fuoriuscita di giovani artisti dal nostro paese, chiama a raccolta autori emergenti della scena coreutica, tutti professionisti provenienti da note compagnie europee, le cui strade si incrociano per una sera sul “palco di casa” animando un programma di brani dal respiro contemporaneo, con particolare attenzione a tematiche attuali sensibilizzate dalla condizione post pandemica che ha mutato il modo di esperire e vivere le relazioni umane e artistiche. Il progetto, vincolato all’idea di creare un unicum coreografico narrato da composizioni musicali inedite e liberamente scelte, prende le mosse da un interrogativo: un impatto è una potenziale trasformazione che può avviare una reazione a catena? “Il concetto - spiega Rosario Guerra - riguarda gli incontri che facciamo durante il percorso della nostra vita, perché ad ogni incontro c’è uno scambio che arricchisce la nostra essenza artistica. Ovviamente non si può, per quanto si voglia, controllare il modo in cui ci condiziona la durata stessa dei rapporti. Potrebbero, a loro volta, distaccarsi, rompere la connessione, allontanarsi, determinando, però, anche così, un processo di autoconoscenza. Per accettare noi stessi e gli altri così come siamo, si deve solo lasciare che questi meccanismi facciano il proprio corso, consapevoli del fatto che tutto ciò che è stato alla fine ci appartiene”.

Accanto a Rosario Guerra si alterna in scena Davide Sioni (Staatsballett Hannover) in coreografie di Alessandra La Bella (già Staatsballett Hannover), Beatrice Panero (già Tanzwerk Leipzig), Alessio Marchini (già Gauthier Dance Company e co-produttore del progetto). La direzione artistica affidata al Teatro Bellini è di Manuela Barbato ed Emma Cianchi.

© Riproduzione riservata

piemontedalvivo2022LAC2022ttstage2023dancecard2022
koreutica22it

Vedi anche...