News

"La danza che muove" parte al Teatro Mecenate di Arezzo

16/11/2023
"La danza che muove" parte al Teatro Mecenate di Arezzo
KLEUR

AREZZO - Si intitola LA DANZA CHE MUOVE, la nuova programmazione a cura Sosta Palmizi che unisce le due storiche rassegne Invito di Sosta e Altre Danze, e che si svolgerà da novembre 2023 fino ad aprile 2024 al Teatro Mecenate di Arezzo con 5 appuntamenti rivolti ad un ampio pubblico.

In questi lunghi anni Sosta Palmizi ha dato al territorio l’opportunità di conoscere l’arte coreutica e ha orientato con gradualità il pubblico dando gli strumenti per distinguere e apprezzare i differenti ambiti di scrittura.  Dalla tradizione contemporanea d’autore a tratti più sofisticata e ricca di tematiche e implicazioni, a esperienze multidisciplinari, a spettacoli rivolti ai piccoli e alle giovani generazioni. La danza che muove evolve in questa direzione meno settorializzata e abbraccia in un unico comune denominatore la forza della qualità artistica, una proposta che intreccia nella trasversalità dei suoi linguaggi la necessità e il desiderio di mettere al centro i giovani offrendo spunti di riscoperta del corpo, dell’ascolto e della relazione con l’altro.

Ad aprire la programmazione, domenica 26 novembre Cenerentola di Zaches Teatro, compagnia toscana nota per il suo stile raffinato e dai toni elegantemente dark. La regista Luana Gramegna rilegge in maniera originale la celebre fiaba dando vita ad uno spettacolo ricco di immaginazione e dal forte impatto visivo. Un’opera pluripremiata che unisce linguaggi del teatro, del movimento espressivo e della danza come antica presenza del rito iniziatico sotto le ceneri del racconto. Lo spettacolo sarà in replica matinée per le scuole lunedì 27 novembre alle ore 10:00.

Si passa poi al  21 gennaio (mattinée il 22) con il coreografo Jacopo Jenna a presentare il suo Alcune Coreografie, un dialogo continuo tra la danzatrice Ramona Caia e una moltitudine di frammenti video montati in una sequenza serrata. Un viaggio concreto e virtuale che fruga nella storia della danza di tutti i tempi, abbracciando i generi più lontani.

il 18 febbraio (19 matinée per le scuole) la giovane Valentina Dal Mas interpreta e presenta il suo ultimo solo Luna e il suo Mostrogiramondo; un’indagine di grande sensibilità sulle emozioni dell’infanzia, in cui la narrazione sapientemente bilanciata fra parola e danza conduce il pubblico in un terreno tra commozione e riflessione intorno ai temi degli affetti e dei legami profondi. 

Un omaggio all'energia giovanile è il lavoro di Simona Bertozzi Onde ispirato all’omonimo romanzo di Virginia Woolf in scena, domenica 10 marzo. Con musica originale di Luca Perciballi eseguita dal vivo, tre danzatori incarnano la prosa ritmica della Woolf in un flusso potente di movimento.

Chiusura il 14 aprile con la compagnia olandese Dadodans di Gaia Gonnelli. In KLeuR+ il corpo della danzatrice si trasforma in pennello e i colori si fanno vivaci protagonisti di una scena che diventa tela; i più piccoli si lasciano trasportare con stupore in una giocosa coreografia (Doppia replica matinée 15 aprile).

Intorno alla rassegna come da tradizione Sosta Palmizi continuerà a offrire alla cittadinanza un ricco calendario di incontri con gli artisti e le artiste ospiti: le masterclass gratuite saranno un’opportunità per approfondire la poetica artistica e una vera occasione di crescita personale. Quest’anno il programma è inoltre arricchito da due incontri speciali tenuti da Raffaella Giordano e Giorgio Rossi, direttori artistici dell’associazione Sosta Palmizi. Le masterclass si terranno sempre di sabato in orario pomeridiano dalle 15:00 alle 17:00 presso Spazio Seme o Semillita Atelier (18 novembre, 20 gennaio, 17 febbraio, 9 marzo, 6 e 13 aprile).

Programma completo su www.sostapalmizi.it/ladanzachemuove 

 

© Riproduzione riservata

civitanovadanza2024inteatro-2024societascbsf-itagiacimenti2024nod-2024lostmovementbiennalefestival2024opus-2024
nod-2024-ita

Vedi anche...