News

ULTRA Screendance Festival

18/03/2024
ULTRA Screendance Festival
foto-ULTRA-Screendance-festival.jpg

UDINE Lo sguardo del pubblico condivide nuove esperienze, visioni dell’abitare il mondo insieme agli artisti. È ULTRA Screen Festival, rassegna di videodanza la cui seconda edizione riparte a Udine il 20 e 21 marzo al Cinema Visionario, presentando una selezione internazionale di corti e mediometraggi.

L’iniziativa, ideata da Francesco Collavino, in collaborazione con ZED Festival Internazionale Videodanza, PRO|D|ES Caravan, il sostegno del C.E.C. e del Comune di Udine si distingue quale unica rassegna in Friuli ad unire il linguaggio cinematografico alla danza, in un continuo dialogo tra innovazione e corporeità.  

La screendance si presenta come un medium inclusivo, dinamico e in costante evoluzione, che abbraccia una vasta gamma di stili cinematografici, spaziando dalle astrazioni visive alle narrazioni più rigorose; è diversa, globale, emergente, viva, transmediale e in continua evoluzione. È mezzo ibrido, uno spettro attivo che comprende un'ampia gamma di stili cinematografici, da astrazioni visive surreali a narrazioni rigorose.

Il programma di quest’anno offre un’esperienza sorprendente, che vede la partecipazione di rinomate figure della danza internazionale e autoriale come Hofesh Shechter, Lali Ayguade, Roberto Zappalà e Marlene Millar, insieme a molte altre.

 

PROGRAMMA DEL 21 MARZO (dalle 20:00 alle 22:00)

Clowns di Hofesh Shechter (UK) 
Timecode di Juanjo Giménez (ESP)
(1,2) and their cigs (3,4) di Laura Carnevali (ITA), 
Panic di Simone Alvear Calderon (ITA),
Parque di Iván Asnicar, Ailén Cafiso (ARG)
The Body di Nika Zhukova, Rimma Gefen (ISR)
Polo di Ilaria Bagnarola (ITA)
Nakładamy się di Ewelina Węgiel (POL)
DanzaMatta di Vanja Victor Kabir Tognola (CH)
The Ongoing Process of Trying to make Sense di Martin Klukas (GER)
Epicentre di Anne Nguyen, Greg Kozo (FRA)
Breath di Catalin Rugina (ROM)

PROGRAMMA DEL 22 MARZO (dalle 20:00 alle 22:00)

Political Mother: Final Cut di Hofesh Schechter (UK) 
Absent Presence di Giorgia Romano (ITA)
IO|OI di Francesco Lorusso (ITA)
Shapes of Aether di Elias Benedikt Choi-Buttinger(AUT)
Tickling di Lara Parizek (ITA)
La naturale bellezza del creato di Michele Bernardi e Roberto Zappalà (ITA)
Stormo - Take 2 di Ruggero Romano (ITA)
Am I the landscape? di Noemi Piva (ITA)
6 Lati di Irene Zoppoletto (ITA)
Navigation di Marlen Millar (CAN)
Killing the Minotaur di Naya Kuu (BEL)
We no longer wait for the barbarians di Alain El Sakhawi (ITA)

Info: cec@cecudine.org

© Riproduzione riservata

civitanovadanza2024inteatro-2024societascbsf-itagiacimenti2024nod-2024lostmovementbiennalefestival2024opus-2024
operaroma-5

Vedi anche...